Produttori

Seminare il prato : guida pratica

Pubblicato : 16/03/2018 08:52:20
Categorie : Giardinaggio

Seminare il prato

SEMINARE IL PRATO è un’operazione semplice e relativamente veloce. Nel giro di tre settimane infatti il giardino si ricoprirà di un gradevole tappeto verde. Farlo è facile: prepara il terreno, seminalo e infine bagna, compatta e taglia il prato.

QUANDO SEMINARE IL PRATO?

Esistono due periodi per seminare: da marzo a maggio e da settembre a ottobre. Se semini in primavera, il prato non sarà soffocato dalla caduta autunnale delle foglie morte nelle zone dove ci sono gli alberi. Se semini in autunno, il prato crescerà più rapidamente perché il suolo è ancora caldo.

La primavera è la stagione più usata per effettuare la semina di un prato nuovo.Se il periodo di semina è marzo, bisognerà attendere che le temperature si alzi e che non vi sia il rischio di gelate o nevicate che potrebbero compromettere il lavoro. La giornata della semina del prato deve essere priva di vento( per evitare la dispersione dei semi) e di pioggia.

COME SEMINARE IL PRATO:

La semina è una delle fasi più importanti per la messa in opera del prato.

Questa è preceduta dalla lavorazione del terreno che dovrà accogliere i semi. Il terreno va infatti ripulito da detriti ed erbacce.

Dopo la pulizia, il suolo va zappato, vangato e dissodato con una zappa, lavorandolo fino a una profondità di venti centimetri. Il suolo deve presentarsi compatto e friabile, in modo da poter assorbire i semi senza dispersioni. Se il terreno è poco umido, bisogna aumentarne il drenaggio aggiungendo della sabbia, mentre se è troppo umido bisogna asciugarlo aggiungendo materiale organico. Dopo l’aggiustamento del drenaggio, il suolo va compattato per evitare dislivelli. Il compattamento si può effettuare camminando sopra il terreno o passandovi il dorso del rastrello. Questa operazione deve essere ripetuta almeno tre volte in una settimana. Non seminare subito, ma lasciar riposare il terreno facendo attenzione alla comparsa delle erbe infestanti. Prima della semina, effettuare una concimazione a base di concime granulare fosfatico, distribuendo una dose di 150 grammi per ogni metro quadro.

La semina del prato si può effettuare a mano o con una macchina spargi semi. La scelta della macchina si rivela necessaria quando si devono seminare grandi superfici. Una buona semina prevede almeno 50 grammi di semi ogni metro quadro.

Nella semina a mano, spargere metà dei semi in una direzione e l’altra metà in senso contrario. La seconda metà si può anche spargere formando un angolo retto con la direzione precedente. Nella semina a mano i semi vanno sparsi all’interno di una griglia formata da fili e paletti, in tal modo si garantisce che gli stessi semi vadano a finire nelle zolle di terreno dove dovranno attecchire, germogliare e radicare.

La semina meccanizzata, da effettuare con la macchina spargi semi, prevede la distribuzione della prima metà di semi in senso longitudinale. Completata questa prima operazione, si passa la macchina spargendo l’altra metà di semi in senso trasversale.

Dopo la semina, il terreno va compattato con il rastrello per favorire la penetrazione dei semi. Il suolo va anche mantenuto costantemente umido. In genere, la semina viene sempre seguita da una prima annaffiatura. Se il suolo è naturalmente umido, l’annaffiatura si può effettuare non appena appare asciutto.

La semina, eseguita con cura e attenzione, darà vita a uno stupendo prato verde. Il prato, solitamente, matura in tre settimane. Dopo che l’erba avrà raggiunto un’altezza di dieci centimetri si potrà procedere al primo taglio.

Dato che le piantine sono molto delicate bisogna fare attenzione a non calpestarle per le prime 10 settimane. Il prato, durante la sua prima stagione di crescita, va utilizzato il meno possibile per permettere alle radici di rafforzarsi.

Sul nostro sito trovate tutti i prodotti e le attrezzature indispensabili per seminare il prato:

Sementi per prato

Rastrelli

Concime Naturale

Condividi questo contenuto

Aggiungi un commento

 (con http://)